Introduzione

Uno dei limiti storici di molti lavori di linguistica computazionale in ambito di Digital Humanities (DH) è un certo grado di autoreferenzialità dovuto alla mancanza di contatto con gli esperti di settore. Questi ultimi sono detentori di competenze specifiche su temi che vengono trattati in ambito DH spesso soltanto a livello di analisi automatica dei dati linguistici, ma senza che ciò sia supportato da una profonda conoscenza scientifica dell’oggetto trattato.

D’altra parte, molte questioni di ricerca nei vari settori di area umanistica che hanno a che fare con dati linguistici (storia, critica letteraria, filologia, linguistica...) possono usufruire positivamente di metodi, teorie, tecniche e strumenti propri della linguistica computazionale.

Nel nostro lavoro, ci rendiamo conto quotidianamente della mancanza di reale comunicazione, che diventa mancanza di reale collaborazione tra gli umanisti e i linguisti computazionali.  Questo è un limite evidente, dal momento che i due settori hanno nel dato linguistico un comune oggetto di indagine, rispetto al quale possiedono competenze diverse la cui convergenza in progetti condivisi ha tutte le caratteristiche per essere promettente.

Questo questionario vuole evidenziare le esigenze specifiche di singoli umanisti sollevate dalla loro quotidiana esperienza di ricerca, così che noi linguisti computazionali, per primi, ci possiamo rendere conto di quanto e in cosa il nostro settore possa essere di aiuto alla risoluzione/sviluppo di tali esigenze, e quanto, viceversa, le competenze più tipicamente umanistiche possano orientare e validamente supportare i nostri sforzi.

Verrà selezionato un numero di questionari che sollevano esigenze rispetto alle quali crediamo che le competenze di area linguistico computazionale possano rendere fertile la collaborazione tra i due mondi in termini di produzione di risorse, organizzazione di eventi e pubblicazioni congiunte.

Condizione necessaria: la risposta alle domande di cui sopra prevede l'opportunità di collaborare con un gruppo di esperti di linguistica computazionale in ambito DH.

* 1. Nome e cognome:

* 2. Posizione professionale:

* 3. Affiliazione:

* 4. Indirizzo email:

* 5. Disciplina:

* 6. Settore/i di ricerca specifico/i:

* 7. Per ciascuna voce della domanda precedente, quali sono le questioni aperte su cui stai lavorando?
[Esempio: Origine del valore semantico allativo della preposizione per nell’italiano del trecento -> questioni aperte]


* 8. Credi che queste domande possano essere affrontate con strumenti computazionali?

T